Comando delle macchine con JANIsoft

Lavorazioni rapide con il comando macchine di JANIsoft

Il nuovo programma di comando macchine di JANIsoft genera i dati di lavorazione per i sistemi in acciaio selezionati per poi trasmetterli alle macchine mediante un file di scambio. Tutte le lavorazioni dei profili vengono visualizzati in anteprima in modalità di elaborazione 3D, dove possono essere adattati alle esigenze dei clienti. È possibile effettuare il controllo anticipato delle lavorazioni con JANIsoft sia in ufficio che direttamente in produzione. Il programma di comando macchine lavorazioni metalliche di Jansen è compatibile con svariati tipi di seghe e di centri di lavorazione profili.

I vantaggi del prodotto

  • Un'unica soluzione per la definizione degli elementi e preparazione della lavorazione
  • Definizione automatica delle lavorazioni dei profili
  • Visualizzazione 3D della modalità di lavorazione
  • Semplice modifica delle lavorazioni per soddisfare richieste specifiche del cliente

Vantaggi di lavorazione

  • Eliminazione degli errori grazie alla visualizzazione in 3D della ferramenta e delle lavorazioni
  • Riduzione dei tempi di produzione grazie al riconoscimento automatico della parete del profilo
  • Interazione ottimale con le macchine con un solo file di scambio
  • Elenchi di lavorazione per una rapida acquisizione di specifiche lavorazioni sui profili richieste dal cliente
  • Riduzione degli errori grazie a rappresentazione e quotatura delle lavorazioni valide per tutti i tipi di profili
  • Lavorazione in serie per la rapida acquisizione di processi ripetitivi
     

Ansteuerung aus JANIsoft

Comando schematico

Per il programma JANIsoft è disponibile il modulo supplementare per stampa MCO, con il quale da JANIsoft viene generato un file macchina per i sistemi di profili JANSEN o Schüco. JANIsoft crea un file macchina con l'estensione «.enc», che può essere letto direttamente dalle macchine Schüco. Per macchine di altre marche è necessario un file convertitore che trasformi il formato «.enc» in uno da queste leggibile (ad es. «.cx»).